Lega del Filo d’Oro e ItalRugby si occupano di un’iniziativa solidale per la sordocecità


Lo scorso sabato, durante la visione della partita di rugby Italia-Scozia, la Lega del Filo d’Oro e la Federazione Italiana di Rugby hanno annunciato un’iniziativa solidale cui prenderanno parte entrambe, dal nome di #unContattoCheVale.

L’iniziativa, lodevole e attenta, ha come tema principale la sensibilizzazione in Italia delle persone affette da sordocecità.
Una giornata emozionante, che nessuno dei presenti dimenticherà mai, in cui sport e solidarietà si sono uniti per dare vita a qualcosa di straordinario. Sul palco del Peroni Village, inoltre, abbiamo assistito allo spettacolo della Mannequin Challenge: i protagonisti dello show sono stati i giocatori della squadra under 16 della Arnold Rugby di Roma. La Lega del Filo d’Oro ne è rimasta visivamente impressionata: i giocatori si sono divertiti a mettere in scena una partita di rugby, per poi immobilizzarsi e dare mostra di sé.

Una Partita Indimenticabile: la Lega del Filo d’Oro e ItalRugby si sono unite

I tifosi, inoltre, hanno ricevuto un trattamento speciale, durante l’intera manifestazione: tutti potevano farsi truccare il viso di azzurro, in onore della nazionale italiana e della Lega del Filo d’Oro. Tra risate, sport e discorsi volti a fine di educare e informare, la giornata è trascorsa all’insegna della sanità e della gioia.
ItalRugby e la Lega del Filo d’Oro si sono unite per sensibilizzare su un tema molto caro anche nell’ambiente del rugby: la sordocecità. Si stima che in Italia circa 189mila persone sono sorde e mute. Un’iniziativa meravigliosa, che porteranno in giro per l’Italia, al fine di trasmettere a quante più persone possibili cosa può voler dire essere sordociechi.
Un evento magnifico, a cui assistere è stato di insegnamento a tutti i presenti e che speriamo possa essere ripetuto durante gli anni.

La Lega del Filo d’Oro: di cosa si occupa e chi aiuta?

L’associazione del Filo d’Oro è attiva nell’ambiente della sordocecità, ma non solo: da 54 anni, si occupano di assistere, educare, riabilitare e reinserire nella famiglia e nella società le persone che, purtroppo, hanno subito un trauma e pertanto hanno perso l’uso della vista e dell’udito,.
Noi cosiddetti normodotati possiamo solo immaginare cosa significhi essere sordociechi. Tenete conto che tutto ciò che impariamo, tutto ciò che sappiamo del mondo, lo abbiamo compreso a fondo affidandoci ai nostri sensi, specialmente alla vista e all’udito. La Lega del Filo d’Oro è scesa in campo per aiutare le persone a reintegrarsi nel mondo e poterlo vivere serenamente, muovendo passi decisi e importanti. Per questo, è molto importante supportare questi enti, che sottolineano l’importanza della sensibilizzazione. E se vi state chiedendo come fare, qui sotto ve lo spieghiamo. Basta davvero poco per dare agli altri il molto di cui necessitano.

Come partecipare alla beneficenza e supportare #unContattoCheVale

Partecipare attivamente all’iniziativa #unContattoCheVale è davvero semplice. Per le persone affette da sordocecità, il contatto è l’unico modo reale e tangibile per cui possono comprendere e conoscere il mondo. Se volete unirvi alla battaglia della ItalRugby e della Lega del Filo d’Oro, tutto ciò che dovrete fare è inserire il codice fiscale della Lega del Filo d’Oro nella vostra dichiarazione dei redditi, partecipando con il 5×1000.
La Lega del Filo d’Oro ha in cantiere un grandissimo sogno: la costruzione di un nuovo Centro Nazionale ad Osimo, in provincia di Ancona, che possa permettere a quante più persone possibili di usufruire dei loro servizi. Rispondere a quante più richieste d’aiuto è molto importante: 189mila persone in Italia sono davvero tantissime, e molti sono in lista d’attesa.
Potrete contribuire anche attraverso un Testamento Solidale, oppure richiedere delle Bomboniere Solidali per Beneficenza. I soldi devoluti aiuteranno concretamente la Lega del Filo d’Oro a realizzare quanti più centri possibili: fare del bene è molto importante.

(Articolo a cura di Sara Carboni: https://saracarboni.it/)

Leggi   “Ascoltami” di Romina Cardia,  il libro sulla genitorialità ad alto contatto e sulla disciplina dolce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...